Ottimizzazione Onsite

Il punto di partenza di una buona ottimizzazione parte analizzando i fattori onsite che possono dare fin da subito vantaggi in termini di visibilità.

Lead Generation

Lo scopo principale di ogni sito internet non si misura solamente attraverso l’aumento dei visitatori ma anche attraverso la generazione di leads o conversioni (come ad es. la richiesta di informazioni, un acquisto, ecc.).

Usabilità

Per ottenere questo risultato non è sufficiente ottimizzare il codice del sito ma si deve agire a livello di usabilità, ovvero migliorare l’esperienza dell’utente. Si vanno quindi ad identificare le call to actions che ci consentano di ottenere il maggior numero di leads.

La ricerca naturale è l’insieme di attività svolte per migliorare il posizionamento di un sito web nei motori di ricerca. Quando si parla di ottimizzazione onsite ci riferiamo a tutte quelle attività che vanno ad agire direttamente nel sito. Non ci riferiamo solamente ad attività di ottimizzazione del codice HTML ma anche ad attività collaterali come ad esempio l’ottimizzazione del contenuto del sito (in funzione di un set di parole chiave che andranno selezionate per le pagine del sito a cui si vuole dare visibilità), analisi dell’usabilità del sito e studio delle Call to Action più efficaci in grado di generare più conversioni possibili. Infine verrà consegnata una reportistica dettagliata sulle attività svolte e con l’indicazione di quei miglioramenti necessari per rendere il vostro sito SEO Oriented ed a prova di utente!

COME OPERIAMO?

Dal punto di vista operativo si agisce principalmente su tre fattori:

  1. Ottimizzare il title e i meta tags in riferimento alle parole chiavi che si vogliono posizionare.
  2. Ottimizzare l’architettura del sito, cambiando ad esempio le voci del menu in funzione delle parole chiavi che si vogliono posizionare, la struttura dei link interni, etc. Per poter definire l’architettura di un sito è indispensabile prendere tutta una serie di decisioni, che per semplicità dividiamo in due macro-categorie: tecnologiche e strutturali. Tra le prime rientrano ad esempio l‘impiego dell’url rewriting, l’eccesso utilizzo di slashes, eccessivo utilizzo di javascript. Tra le decisioni strutturali rientrano i cross link, l’ottimizzazione degli anchor text, l’utilizzo delle briciole di pane, il link depth.
  3. Revisione e identificazione problematiche SEO, come ad esempio l’usabilità e accessibilità di un sito web, controllo periodico dello stato di salute nelle SERP’s dei motori di ricerca, controllo dei contenuti duplicati, verifica del file sitemap.xml e robots txt, speed test, verificare infine la qualità dei nostri backlinks.

Analisi Keywords

Uno degli elementi più importanti quando si inizia una campagna di ottimizzazione Seo è quello di analizzare le keywords che meglio identificano il proprio target di riferimento.

Ottimizzazione Onsite

Attraverso l’ottimizzazione onsite vengono definiti tutto un insieme di attività Seo volte a rendere più amichevole ai motori di ricerca una pagina web affinché venga posizionata nelle posizioni più in alte possibile nella SERP.

Articoli in ambito SEO

Scopri le tecniche, i suggerimenti su come gestire al meglio il tuo sito web in ambito Seo

Parlaci del tuo progetto

Attraverso la passione che ci contraddistingue ti aiuteremo a far crescere la tua visibilità nei motori di ricerca.

Le voci del menu del vostro sito contengono una parola chiave?
Il menu di un sito web per poter essere efficace dal punto di vista SEO deve contenere una parola chiave (selezionata nella fase di keywords analysis) in modo tale da comunicare agli spiders la nostra pertinenza per un determinato mercato. Un errore comune è quello ad esempio di chiamare con il nome “Servizi” la pagina che riassume tutte le attività che facciamo. Un titolo Seo Oriented potrebbe essere “Servizi Digital Marketing”.
Il vostro sito contiene i Rich Snippets?
I Rich Snippets sono delle informazioni aggiuntive che vengono date ai motori di ricerca. Tra gli esempi più comuni si possono trovare le recensioni di un hotel o di una ricetta (a forma di stelline) oppure le breadcrumb (conosciute anche con il nome di briciole di pagine: percorso di navigazione secondario che permette all’utente di capire in che pagina si trova).
Ci sono contenuti duplicati?
Con il termine di “contenuti duplicati” si fa rifermento a blocchi di testo identici o molto simili tra di loro presenti all’interno dello stesso dominio oppure copiati da un sito esterno. La duplicazione dei contenuti è uno dei fattori che incide di più sul posizionamento del sito. Uno degli esempi più classici è avere la versione del sito con www e non-www (es: stessa pagina raggiungibile da www.esempio.com e esempio.com);

5 + 1 =

Resta collegato e raccontaci le tue idee!

Certificazioni AdSeo

Abbiamo conseguito tutte le principali certificazioni del panorama del digital marketing sia in ambito Search Advertising che di strumenti di Web Analytics.