Influencer Marketing o Influencer Advertising?

Nessun Commento

Chi sono gli influencer e quanto sono importanti per incrementare la visibilità della nostra azienda? Casi di successo come Aranzulla o Chiara Ferragni sono un esempio lampante. Si è incominciato a parlare di Influencer Marketing ma forse sarebbe più corretto parlare di Influencer Advertising visto considerato che sono attività a pagamento che ci consentono di accedere temporaneamente alla cerchia sociale di un top blogger.

Attività di Digital Advertising classiche ci dimostrano che molti utenti sono propensi a utilizzare sistemi che gli consento di skippare la pubblicità. Termine che per molti consumatori è diventato sinomimo di odio. Ecco alcune statistiche:

  1. 32% degli utenti dice di usare Advert Blocker nel 2017 (fonte eMarketer).
  2. 90% dei consumatori si fida dei suggerimenti da parte di una persona che conosce. Solamente il 33% si fida della pubblicità! (Fonte Nielsen).
  3. 40% dei Nativi Digitali sostiene di fidarsi di più di quello che dice uno Youtuber rispetto a quello di un proprio amico (Fonte Google).

Il futuro è dei Micro-Influencers

Ma quanto mi può costare un Influencer? €1.000, €2.0000 o €5.000. Cifre che magari molte società di piccole medie dimensioni non potrebbero mai permettersi. A questo punto entrano in gioco l’esercito dei micro-influencer: si possono definire tali se riescono ad avere tra i 1.000 e i 100.000 followers. Ovviamente si differenziano dai “Power Middle Influencers” che per definirsi tali devono avere una popolarità compresa tra i 100.000 e 200.000 followers. Uno studio molto interessante condotto da Markerly mette in evidenza che all’aumentare dei followers diminuisce l’engagement.  Bloggers con 1k-10k flowwers hanno una percentuale di engagement del 4% rispetto al 1,6% dei top blogger (con più di 10M di follower). È la famosa coda lunga di cui parlava Chris Anderson un decennio fa.

Qualche esempio

Cercherò di farvi vedere esempi di società che hanno cercato di mettersi in contatto con micro influencer invitandoli a condividere i loro prodotti su Instangram.

 

Come trovare gli Influencer?

Per trovare blogger è possibile utilizzare tools e fare ricerche (come vedremo fra poco) oppure affidarsi ad un blogger con cui collaborare.  Lui ha il difficile compito di mediare tra l’influencer e il commitente. Quest’ultima è una delle metodologie più utilizzate dalle agenzie ma non facile da mettere in pratica. A mio modesto avviso è sempre meglio verticalizzarsi su un settore e collaborare ad esempio con una fashion blogger per la promozione di capi di abbigliamento esclusivi oppure semplicemente per promuovere un negozio. Ma se siete un po’ intraprendenti potete crearvi voi un database di blogger! Si parte sempre dalle proprie passioni che possono essere legate alla moda, fotografia, viaggi, ecc.

Utilizzare Hashtags  per trovare potenziali blogger

Uno metodo molto semplice e forse sottovalutato è fare una ricerca basandosi su l’hashtag all’interno di Instangram (ma volendo anche su Twitter e Google).

Social Media Tools

Quali sono tools di terze parti che possiamo utilizzare per scovare bloggers? Ecco una classifica di quelli più utilizzati:

Buzzsumo

Attraverso Buzzsumo è possibile analizzare dati di Facebook, LinkedIn, Twitter, Pinterest e Google+. Con esso è possibile studiare la popolarità di vari argomenti, contenuti, e scoprire gli  influencers che possono contribuire a sostenere la propria strategia. Permette di studiare i contenuti web più influenti.  La versione gratuita è un po’ limitata ma suggerisco ugualmente di utilizzarla.

Social Mention

Social Mention è un tool che uso spesso, completamente gratuito, per certi versi molto simile a Buzzsumo. Ti da la possibilità di fare una ricerca all’interno di blogs, microblogs, bookmarks, immagini o video cercandone di capire il sentiment (ad esempio positivo, negativo o neutrale). Inoltre ti permette di capire quali sono i Top Users.

Klear

Klear è uno strumento molto potente che analizza i Twitter Accounts (ma supporta anche Facebook, Instangram, Blogs e Youtube) e fornisce molte metriche valide per misurare l’efficacia dei post e più in generale la forza e l’autorità dell’account. Esiste una versione gratuita ma che ovviamente ne limita i risultati. Il costo di quella a pagamento è di $249 al mese non proprio bruscolini.

Blogdash

Blogdash è un altro tool (in cui è presente una versione free) utile per trovare blogger. Sono catalogati per categorie, sesso, lingua, paese.

Altri strumenti

Il Blog di AdSeo

Blog dedicato al web marketing, Seo, Social Media e tanto altro...

Analisi SEO Gratuita

Inviaci senza impegno una richiesta per un'analisi SEO Gratuita. Ti aiuteremo a comprendere meglio le criticità del tuo sito definendo le corrette strategie per aumentare visibilità e lead!

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Fields marked with an * are required

Come valuti quest'articolo?

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Nessun Voto!)
Loading...

Continua a leggere altri articoli

Vai al Blog!
Nessun Commento
 

Lascia un Commento